Installazione in galleria sotterranea

Tubi corrugati Ecopal 2.0 DN/DI 500 flangiati

Lo scopo del lavoro è stato quello di procedere al rifacimento di un tratto di fognatura che si trova all’interno di una galleria sotterranea che passa al di sotto di piazza Emanuele Filiberto nel centro storico della città di Pavia. A collassare sono stati circa 200 metri di una vecchia condotta in vetroresina posta all’interno di una tubazione in ferro poggiante su sostegni in ferro. Nella tubazione scorrono le acque nere delle abitazioni presenti nella piazza, ma anche le acque delle griglie che raccolgono la pioggia dalle strade: il peso eccessivo della doppia condotta (acciaio + vetroresina) oltre al peso connesso alle portate veicolate, l’età dei manufatti e del sistema di supporto hanno portato al collasso dei supporti e del manufatto con la conseguente fuoriuscita dei reflui fognari nel terreno.

I vincoli di progetto si sono basati su alcuni capisaldi:

  • la condotta prevista doveva avere peso contenuto, dal momento che la tubazione doveva essere posizionata al di sopra di appoggi e movimentata ed installata manualmente o in ogni caso con macchinari di piccolo ingombro, visti gli spazi angusti presenti all’interno della galleria. La particolare collocazione della galleria (all’interno di un’area a verde distante dalla viabilità pubblica) richiedeva inoltre la possibilità che gli spezzoni di condotta potessero essere movimentati a mano per il trasporto dal deposito di cantiere al punto di installazione;
  • la condotta doveva avere un’ampia gamma di pezzi speciali e la possibilità di realizzazione di manufatti ad hoc come ad esempio curve di angolatura specifica, stante la particolare conformazione del cunicolo ospite (non rettilineo e con deviazioni angolari importanti);
  • la condotta doveva permettere la realizzazione di allacci a tenuta in posizioni variabili e non definite;
  • la condotta doveva prevedere differenti sistemi di collegamento tubo-tubo: la particolare conformazione e la tipologia di posa non ammetteva l’utilizzo dei normali sistemi di giunzione delle condotte fognarie a gravità con maschio/femmina o a manicotto.

Tra tutte le soluzioni disponibili sul mercato, la scelta è ricaduta sul tubo corrugato in polietilene di seconda generazione Ecopal 2.0 in classe SN8. Sono state fornite 49 barre DN/DI 500 (DE 580 mm) da 3 m flangiate alle estremità. Le flange in polietilene dello spessore di 20 mm sono state saldate alle estremità delle barre presso il reparto Officina Pezzi Speciali. Ogni barra compresa di flange presenta un peso indicativo di 50 kg, un peso che permette la movimentazione e l’installazione di tutto il sistema in un luogo così angusto. Sono state inoltre realizzate curve ad angoli speciali per poter seguire esattamente il percorso della galleria oltre a pezzi speciali di collegamento alla rete fognaria a valle e a monte del tratto oggetto di intervento.

Rispetto ai tempi di demolizione delle opere preesistenti e di messa in opera dei supporti, i tempi di posa delle tubazioni corrugate Ecopal 2.0 sono stati relativamente rapidi anche grazie alla modalità di collegamento attraverso flange, bulloni e guarnizioni in EPDM.

In un secondo momento si è provveduto alla realizzazione degli allacci provenienti dalla piazza sovrastante; con una semplice fresa a tazza si è forata la tubazione principale, inseriti una guarnizione di tenuta e uno speciale pezzo speciale in cui sono stati innestati poi i tubi DN/DE 160 in PVC.

  • Date